Senza titolo

Sarà molto difficile che questo pezzo verrà letto da qualcuno, perché sarà senza tag, senza immagine.

Non lo condividerò in nessun social.

Vorrei solo dire che se tornassi indietro, mi piacerebbe venirti incontro, dire “sì, assolutamente. Amicizia senza secondi interessi di alcun tipo”.

Vorrei non averti detto che mi piaci.

Vorrei essere stato disonesto.

Perché è peggio per me stare così senza parlarsi. Senza sapere come stai, che fai… Senza stare amici, come eravamo prima. Per poi, esserlo più di prima, col tempo. con calma.

Non avrei voluto insistere… Non vorrei starci male, ora.

Dicono che non dovrei starci male. Anche tu lo diresti, probabilmente.

Chissà come stai, chissà come ti senti. Chissà quanto hai minimizzato. Sembra tu lo faccia spesso. Ho capito questo di te. Minimizzi. Ma sembra che tu invece, ci stai maluccio, eccome.

Ti avrei mentito e sticazzi, sarebbe meglio di come sto ora.

Io so che non sono stato completamente sincero con te, tu?
Tu forse lo stesso. Dicevi amicizia immutata. Quanto ti ho fatto arrabbiare?

Avrei voluto venirti incontro, farti stare tranquilla. Mannaggia. Tanti errori.

E ora, lo dico… Mi manchi, ma è male.
Sarebbe male parlarsi ora, se abbiamo entrambi risentimento. In effetti.

Però ti penso.

Ogni tanto riguardo quella foto che ci siamo fatti insieme.

Ogni tanto penso a quando siamo stati spontanei. Quei momenti che venivano dal cuore.

Che ci posso fare? Sto male. E non mi interessa se dicono che “non dovrei”. è così.

Mi dispiace.

Non so se mi odi, se mi vuoi bene, se di me non te ne frega veramente un cazzo.

Non lo so.
Non so se sto scrivendo qui sopra quasi inutilmente.

Se non per sfogo.

Non lo so.

Ti avrei mentito perché era meglio avere un rapporto equilibrato. E sarei rimasto… in cotta. Ma avrei voluto fare amicizia…
Manchi. Cazzo.

Mi “dispiace” dirlo.

Ma è così.

Mi hai riempito il cuore. Hai fatto bene. Anche se credi di aver fatto male. Non capisco.

Ora voglio toglierti dalla testa. Voglio che tu resta solo nel cuore. Che non vuole smettere di essere affezionato a te.

Mi dispiace.

Ti dispiace se ti dico che ti voglio bene?

Ti dispiace se ti dico che non ho rancore nei tuoi confronti?

Ti dispiace se ti dico che fuori dalla testa, rimane solo affetto? Dispiace?

Ti dispiace se senza paranoie, resti per me una persona importante? Per me lo siete tutti.

Ti dispiace se del cinismo non me ne frega un cazzo?

Ti dispiace se di essere “distaccato”, non me ne frega un cazzo?

Ti dispiace se anche se ho avuto anche io i miei traumi, le inculate, sono rimasto una persona buona?

Ti dispiace?

Ti dispiace se credo che l’affetto, amicizia, amore, siano cose che vengono dal cuore, e questa eccessiva razionalità che ti hanno attribuito, o che ha avuto solo la persona con cui mi sono confidato, è un po’…

Una cagata?

Dispiace se il cuore mi dice una cosa e non ho voglia di forzarlo o cambiarla? Eh?

Ti dispiace se vorrei rivederti un giorno e avere un bel rapporto con te? Dispiace? Dispiace se resto qui con te? Con voi?

Se voglio tentare di cambiare le cose, perché se non lo facessi starei malissimo? Peggio di come sto ora?
Alla fine nessuno capisce come mi sento. Ma è normale. Nessuno è me.

La cosa principale non è il sentimento che ho provato per te. Ora sarebbe solo … il rapporto.

Forse non ho capito le tue parole. Mi dispiace.

Avevi detto cose belle e cose brutte…

Mi dispiace anche per me. Sarei stato meno sclerato, non avrei causato questa situazione.

Alla fine questa è la verità

non quella detta da amici, o da altre persone. Questo è quello che ho nel cuore.

Mi piaci tanto, o forse ormai mi sei piaciuta? Non saprei.

Ma quello che conta di più, è che manchi. Che ti voglio bene. Mi basta poco? Non importa.

Ciao.

Perdona lo sfogo se mai dovessi leggere tutto questo, ma dubito…

O forse lo farai? Forse mi leggi. Chissà.

Dato che non parliamo non ne ho la minima idea.

E forse è meglio così.

Non vedo l’ora di giungere al giorno in cui,

tutte queste parole non avranno più importanza.

In cui staremo meglio.

Perché sai, mi dicono che non ci riuscirò, se non ci dovessi riuscire… più me lo dicono più voglio dimostrare di farcela. Mi sento sottovalutato. Dicono che “non sarei il tuo tipo”… mai capite ste cagate.

Posso?

Sinceramente credo siano cose da immaturi, cose scaturite dalla mentalità arrendevole di molti. E forse sbaglio io a frequentare gente con la mentalità “fallimentare”.

Ovvero: hanno fallito, non riprovano più.

Vedi io ho la profonda intenzione di vedere con i miei occhi se alla fine, dobbiamo restare “falliti”, senza mai riuscire.

Voglio credere in me. Capisci?

Tempo per me di fare l’uomo. E non di scappare a Bologna come un ragazzino. Voglio cambiare la mia vita. Sono più determinato che mai. Sai.

Lo faccio per me…

Lo faccio perché per me è necessario vedere se posso farcela. Se credo in me. Non parlo più con nessuno. Sto calmo.
E sticazzi se ci vorrà tempo per questo rapporto.

Non so cosa sarò in futuro per te, non voglio essere qualcosa in particolare ormai. Sai?

Vorrei che fossero i nostri cuori a decidere. I nostri bambini interiori.

Saremo amici? Fidanzati? Sconosciuti?

Non voglio forzare più nulla. E non posso dirti tutto questo. Non risponderesti, dal vivo … non ci vedremo. Cosa cazzo è successo?

Un casino.

Ciao…

E non sono infantile.
Sono Molto di più di quello che ti sono sembrato.
Spero che un giorno lo capirai.

Ed è colpa mia che sono sembrato così. Sì, sembrato. Non lo sono. Lo ripeto.

Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...