Parliamo di “KArMa” di Kaos.

Racconto su Kaos qui: https://loscrittorevolante.com/2021/01/21/kaos-racconto-autobiografico/

Mi metto a parlare di un disco di diversi anni fa, “Karma” quello che per me fu uno dei primi amori. E non dico che è il miglio disco della musica rap Italiana, solo per affetto, ma perché fu uno dei migliori, qualitativamente parlando. Sia per la qualità della musica, dei testi, di metrica, tutto. Magari molti non saranno d’accordo e forse faccio la figura del “purista”, ma…

Karma uscì nel 2007, avevo 18 anni e quello fu un anno molto particolare… Già da allora la musica mi aiutava, perché quello fu l’ennesimo periodo pieno di casini.

E il disco di Kaos fu qualcosa che mi sconvolse: ai tempi ascoltavo un sacco i Club Dogo e infatti: “Il Sesto Senso” è stata una delle mie preferite.

Era il disco annunciato della fine della carriera di Kaos: ai tempi non ci prestai molta attenzione, l’amore per la musica aumentò solo con il passare degli anni: quasi non fu una coincidenza che quando uscì “Post Scripta”, era un altro periodaccio.

Annunci

Dopo anni ho deciso di comprare il vinile, dopo aver “solo” comprato di lui la maglietta di Post Scripta e esserlo andato a vedere dal vivo, ed è una cosa brutta da dire sul tuo artista preferito di sempre.

Era da anni che volevo comprarlo, quest’anno mi sto levando degli sfizi, ormai capisco bene il valore di certe cose, di certi lavori: quasi non si può evitare di supportare chi non può più guadagnare con la musica.

E “karma”, forse perché era la fine annunciata è un lavoro perfetto, trace che parlano di musica, insonnia, vita.

E poi… “Fine”. Con la intro con quella parte di quel film: “Se7en”. Mai visto, ma lo metto tra gli sfizi da togliermi. Però il colloquio tra i due mi è rimasto in testa. La ragiono come quello che dice “Io non ti do ragione, non sono d’accordo: neanche volendo”.

E in questo periodo, probabilmente, in cui l’apatia aumenta sempre di più, anche a causa della situazione che stiamo vivendo, io insisto.

“Ma al mondo conta più il cuore che il carattere

E in fondo a chi cazzo importa chi sia l’uomo da battere

Quando non puoi trasmettere che l’odio appendo il micro al chiodo

Pronto a smettere vi rendo il podio”.

Anzi forse, dovremmo guardare tutti questo film.

Karma è un punto di riferimento per me da beh… da oltre 13 anni. Questa traccia che rappresenta l’esplicita fine della carriera musicale di Kaos.

L’apice della sua carriera, il miglior disco che lui abbia fatto, non si è replicato, a mio parere. (E non credo solo mio).

Questo è molto più di un disco per me,

questo è il sangue che mi scorre nelle vene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...