#Poesia:”Pezzi Rotti ( #Kinstugi)”

Con i pezzi che si sono rotti,

voglio una nuova forma,

non la stessa di prima.

Una nuova stima?

Un cuore può trasformarsi in altro,

magari un albero, con nuove radici.

Con nuovi amici?

O forse una nuova bici.

Che dici?

Sbaglio sempre, con quelle a cui tengo,

forse lo faccio troppo.

Non sono stato capace di dire “ora mi fermo”.

Mi stoppo.

E più recupero lucidità, più capisco.

Più maturo… però mi dispiace

Di aver perso,

di averti perso.

Volevo coltivare un’amicizia,

essere quello che ti vizia.

 

Annunci

E ora si sono rotti i cuori,

le palle, i coglioni.

Spaccati, divisi,

tu offesa, io ferito.

Io in preda alle crisi,

di identità, di vita.

Tu cerchi nuovi visi.

Io sogno il tuo, di tristezza siamo intrisi.

Sogno di darti un abbraccio,

tu mi tieni lontano, con uno sguardo di ghiaccio.

Forse è vero che siamo tanto diversi,

eppure vedi, io scrivo questi versi…

Capisco che si doveva andare piano con te.

I pezzi rotti, possono forse assumere una nuova forma?

Chi se n’è andato, poi torna?

Un rapporto distrutto, può essere ricomposto diversamente,

o sono solo sogni, di questo pazzo,

sentendomi come un serpente?

Cerco una soluzione, da farmi venire in mente.

Persi i pezzi di me, del passato,

del presente.

Che è incerto, incoerente,

Un dolore senziente.

“Chi rompe paga e i cocci sono suoi”,

sono pezzi di me, persi in mezzo ai tuoi.

Volendo riparare tutto, come nel Kinstugi,

sia se resti, sia se fuggi.

Annunci

Posted in

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...