#Poesia:”Grazie”.

Dedicata in particolare a chi ho perso, e un po’ ancora spero di ritrovare, un giorno:

Non voglio dare colpe,

non voglio sempre pensare agli sbagli,

troppo spesso ci danno abbagli,

e pensiamo sempre a soluzioni,

che ci rendono come serpenti a sonagli.

E con questo veleno, facciamo male come i tagli.

Ma io ringrazio anche chi mi ha fatto male,

perché ho potuto capire,

quanto sia grande questo capitale.

Ringrazio chi ha deciso di tagliarmi fuori,

ringrazio per cosa mi ha aiutato, ad avere più coglioni.

Anche se ho sbagliato con loro,

e mi sentirò sempre dispiaciuto,

vorrei capissero che sono già migliorato,

ma temo che sono finito in un foro.

Nonostante questo, ho imparato qualcosa di nuovo,

sulla mia vita, su ogni mio suono.

Sono cresciuto, e ringrazio,

per chi mi ha dato meno spazio,

ma io ho trovato il mio,

anche se ho pagato dazio,

e ho sopportato un po’ di strazio.

Ma io sono grato, col cuore,

non odio, offro più amore,

proprio perché è un m modo pieno di orrore,

non voglio aggiungere ulteriore squallore.

E se questa fosse una canzone,

farei di essa la più bella emozione.

La gratitudine, è meglio dell’odio,

quindi grazie, anche se forse dovrei provare sdegno,

ma non voglio che il sentimento negativo,

sia il mio regno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...