#Poesia:”Senza punti di Riferimento”.


Viviamo in base ai nostri punti di riferimento,

possono essere gli obiettivi, persone che amiamo,

e quando le perdiamo, ci sentiamo schiacciati sul pavimento.

La perdita di un appiglio,

di qualcosa che ci faceva stare bene,

senza bisogno di un nascondiglio.

E quando perdi quella luce all’orizzonte,

quando diventa ancora più lontana,

irraggiungibile,

delle tue forze, perdi la fonte.

È andato tutto a monte,

mi sento trascinare via da Caronte.

 E adesso che sento di aver perso tutto,

di stare vivendo, come se stessi elaborando un lutto.

Ho perso una parte di me,

adesso non so più cosa voglio

e cosa sono.

Sbatto contro uno scoglio.

Adesso che mi chiedo dove sbattere la testa,

gli obiettivi quali sono?

È cambiato tutto.

Mi chiedo il loro senso,

ora che non sento più quel desiderio intenso.

Questa vita non so dove mi conduce,

non sono né il conte, né il duce.

Non comando più io,

forse non comanda neanche Dio.

E allora vivo,

ma mi sento un po’ morto,

senza un punto di riferimento,

è un tutto distorto, e nettamente contorto.

Sono come morto, per qualcuno,

forse un giorno sarà risorto,

non so dirvi se voglio conforto,

per ora così sono, così resto: assorto.

Annunci
Categorie:PoesiaTag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

1 commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: