#Poetry:”Missings” (End of an Obsession?)

Then you miss someone,

inevitably.

You miss laughing with her.

It’s not because you want it,

as a woman,

as a girl, a lover …

No, I miss her as a person.

She was a beautiful presence

In my life.

She made me feel good …

What has been ruined

at the end,

it was a good relationship.

And I’m still here

to write on it.

To want to find the way,

to

reconnect,

the one that was unfastened.

Continua a leggere “#Poetry:”Missings” (End of an Obsession?)”

#Poesia:”Mancanza. (Fine di un’Ossessione?)

Qualcuno poi ti manca,

inevitabilmente.

Ti manca ridere con lei.

Non è perché la vuoi,

come donna,

come ragazza, amante…

No, mi manca come persona,

amica.

Era una bella presenza

Nella mi vita.

Mi faceva stare bene…

Si è rovinato quello che,

alla fine,

era un bel rapporto.

E sono ancora qui,

a scriverci sopra.

A voler trovare il modo,

per poter

riallacciare,

quello che è stato slacciato.

Continua a leggere “#Poesia:”Mancanza. (Fine di un’Ossessione?)”

“Un Piromane in Ferie” – Episodio 20°

La trama si infittisce ora: è tempo di entrare nel vivo del romanzo! Che ho deciso di far uscire ogni martedì alle 17:00. Ora che è estate mi è tornata un po’ di ispirazione!

Riassunto puntate precedenti: Due persone di età diverse, appartenenti a mondi diversi: Marco e Giorgio.

Hanno problemi simili, ma ognuno dei due risponde in maniera diversa. Uno riesce a trovare la speranza, l’altro, nell’ossessione complusiva.

Marco vuole diventare investigatore e trova il modo per iniziare, Giorgio, si è perso nelle fiamme dell’amore.

Qui trovate la pagina con TUUUUTTE le puntate: https://loscrittorevolante.com/tutte-le-puntate-deil-piromane-in-ferie/?frame-nonce=74fa660aa7

E finalmente, quel giorno, due mondi si stavano per incontrare, un giorno di metà settembre, in cui il caldo era ancora pesante. Marco si svegliò direttamente con il puzzo di fumo nelle narici. A volte era andato addirittura a dormire con il puzzo del fumo che veniva da fuori.

Forse i piromani erano più di uno, forse quello che cercava, non si fermava mai.

Voleva chiudere le finestre, ma temeva gli facesse troppo caldo.

Si affacciò e vide levarsi dalle montagne, l’ennesimo fumo.

Non esitò, prese subito l’auto, senza nemmeno bere un caffè e partì.

Andò verso le montagne, conosceva quella zona… Era sopra una cava. A causa degli scavi, probabilmente abusivi, avevano denudato parte della montagna.
Era uno spettacolo strano, ed era così palese, che non si poteva distogliere lo sguardo da essa.

Ci sarebbe voluta una mezz’oretta per raggiungerla, ma il buon Supermarco, si era svegliato determinato, sicuro, dopo mesi di paure, paranoie. Spesi a combattere i demoni del suo passato.

Ormai sentiva anche la speranza di cambiare, di un futuro migliore…

Un futuro, totalmente di verso da come se l’era immaginato, molto più roseo, senza dover pensare alle persone perse, ma pensando in qualche modo miracoloso, di ritrovarle, in un modo diverso. Marco aveva finalmente imparato, dopo quell’estate, ad avere maggiore fiducia in sé stesso.

Aveva capito che cercare consigli ed opinioni altrui, era una cosa ben più tossica di quanto sembrasse.

Insomma, Marco era ormai autonomo, e desiderò di rivedere la ragazza che amava, un giorno e molto di più.

Qualcuno gli disse che era “troppo ambizioso”, come se Marco non meritasse ciò che desiderava, come se il mondo o gli altri dovessero decidere per lui.

Continua a leggere ““Un Piromane in Ferie” – Episodio 20°”