“Un Piromane In Ferie” – 34°Esimo Episodio.

Premessa:

Come ogni Martedì, eccoci al solito appuntamento, con il mio romanzo a puntate, ideato con il mio amico, Leo.

È una storia di fantasia, in cui esiste un ipotetico piromane che, ogni estate, brucia la nostra regione.

Una storia tra il folle e il romantico, in cui faccio alcuni esperimenti di scrittura. Una roba per uno come me, un esordiente.

In questa pagina trovate tutte le puntate

E qui la precedente.

Riassunto ultima puntata: Giorgio parte per Roma, per incontrare la sua compagna, e i ragazzi lo trovano, e riprendono l’inseguimento.

34:

Ottobre stava arrivando, era quel momento dell’anno, in cui pian piano, i vestiti leggeri, cominciavano a lasciare spazio a quelli poco più pesanti. Il freddo incombeva, ma non faceva sentire ancora la sua presenza.

Le giornate diventavano sempre più brevi, e sembrava ieri, che le giornate fossero infinite.

Il gruppo di ragazzi attraversava la Campania, inseguendo il piromane, che si dirigeva verso il Lazio; Stefano si ricordò che Giorgio gli aveva confidato che ora la sua ex-compagna stava con la figlia a Roma, ed era lì che sembrava diretto.

Percorse l’autostrada, non sembrava neppure intenzionato a seminarli. Che non si fosse accorto di essere seguito?

<< Starà quindi andando a Roma…>> Pensò Supermarco.

E infatti era così, senza nessuna deviazione, seguì esattamente la strada che portava alla capitale d’Italia.

L’appuntamento, era come sempre, a Castel Sant’Angelo.

Gabriella preferiva quel posto. Era perché lì, entrambi, quando erano più giovani, avevano fatto una gita molto romantica a Roma.

Del resto, lei era proprio di lì, in fondo. Si erano conosciuti a Torino, una decina di anni fa…

Giorgio ci pensò, perdendosi un po’ nei ricordi, mentre era concentrato nella guida. Ricordò quando, dopo un anno che stavano insieme, passarono un fine settimana a Roma, la città natale di Gabriella.

Prima d’allora non c’erano mai andati: non si sentivano ancora abbastanza sicuri per rischiare di “farsi vedere” dai genitori.

Giorgio aveva 28 anni, Gabriella 26.

Erano innamorati, tranquilli.

Era un’altra vita…

E non sapevano bene perché, ma quel posto, Castel San’Angelo, aveva qualcosa di magico, di romantico, sì, ma non solo.

Sembrava il posto del loro amore, del loro destino, come se in qualche modo, fossero legati a vedersi lì, su quel ponte con quelle statue.

E lì, che lei lo guardava, con i suoi occhi castani da cerbiatta, tra l’innocente e il colpevole, e lui la baciava lentamente, sulla guancia, poi con la lingua.

Era seduta sulla ringhiera, comunicandogli la sua disponibilità.

Così tanti anni fa, che storia!

Ricordò che rientrarono di notte, a casa sua, dove stavano i genitori. Senza farsi sentire entrarono nella sua stanza, come se fossero ancora degli adolescenti, per farci l’amore e passare la notte.

Certamente, non era la prima volta che facevano sesso, ma quella notte… fu diverso in qualche modo.

Perché sentiva che stava non solo entrando in casa sua, ma che si era raggiunto un nuovo apice della loro intimità.

La guardava spigliarsi e buttargli addosso prima il reggiseno, poi le mutande, entrambi di colore nero.

Mentre la luce della luna entrava discreta nella stanza.

Con essa iniziarono a baciarsi, nudi, sul letto. E pian piano, ricordò, Giorgio entrò dentro di lei, molto lentamente.

Facevano attenzione a non fare rumore, ma non solo: volevano godersi quella notte, un po’ come godersi una buona birra a piccoli sorsi, senza finirla subito.

Quasi ipnotizzato da quei ricordi, arrivò proprio lì, a Castel Sant’Angelo il giorno 29 settembre.

E la vide che lo aspettava. Erano passati 10 anni, e lei, era ancora bellissima. E ancora l’amava, non poteva negarlo. Non avrebbe mai potuto.

Se ti va, supportami, seguendo il blog, i miei social media, ascoltando i podcast, e condividendo i miei contenuti!

E/o lasciando un like e commento, per farmi sapere se ti è piaciuto!

Trovi tutto qui sotto

👇👇👇

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...