Parliamo di #Videogiochi:”Age of Empirers.

Si parla di un gioco, per molti, vecchio. La prima edizione fu il primo videogioco che ho provato e giocato.

Oggi però, vi parlo di un gioco che per molti è leggenda: Age of Empirers 2.

Fu molto accurato: è invecchiato bene, nonostante sia uscito, ormai, nel 1999.

Posso confessare, che molta storia la appresi tramite i giochi, piuttosto che la scuola, e questo si collega anche ad altre cose che ormai fan parte della mia istruzione e cultura.

In questo videogioco conobbi Saladino, e Gengiz Khan, nelle campagne ci sono loro, insieme a Giovanna d’Arco, la campagna di tutorial di William Wallace e Federico barbarossa.

Ma ho fato i nomi dei due condottieri orientali, perché mi ricordo che quando feci la scuola, non vennero nominati molto dai libri, anzi: Gengiz Khan per nulla, nonostante fosse uno dei più grandi conquistatori del mondo.

Infatti, credo che in Italia, forse in Europa, si dia troppa importanza alla nostra storia: molti di noi ignorano quella dell’Oriente, se non quello vicino a noi, ovvero collegato alla Turchia, l’impero Romano d’oriente, e l’impero Ottomano, ovvero quando giunsero nei nostri paesi, conquistandoci.

Continua a leggere “Parliamo di #Videogiochi:”Age of Empirers.”

#Recensione/ #Racconto: “#Shibumi” di #LucciBrokenspeakers

“Tutta la vita ad inseguire qualcosa

E quel qualcosa ce l’abbiamo davanti

Alla ricerca di roba preziosa

Ma senti freddo ad abbracciare diamanti…”

Shibumi, album del 2016. Un anno molto burrascoso per me, non fu facile trovare lo “Shibumi”, anzi, non lo trovai. Ma la musica di Raffaele, mi aiutò ancora una volta.

Un album di 8 tracce, con una bella custodia. Il secondo progetto solista dell’ex-membro dei Brokenspeakers.

Un altro disco hardcore, che ci accompagna, con delle barre belle toste. Iniziamo dalla Intro, con una base che ci “carica” nel modo giusto:

“È sul palco che sono me stesso

In ogni cazzo di cosa che ho scritto puoi trovarci il mio riflesso

In fissa pe’ i graffiti e per il rap, e che te devo di?

So’ el meglio de ‘na volta fatto oggi, Stanger Things

Classico e immortale, non tramonta mai

Porta al suono casse rotte dritto in faccia quando pompa live”

L’album che ci si prospetta, è qualcosa che distende i nervi, i testi pieni d’amore, e appunto:”Shibumi”. Quello che si cerca, e cerchiamo di trovare:

Continua a leggere “#Recensione/ #Racconto: “#Shibumi” di #LucciBrokenspeakers”

#Recensione: ” #Exuvria” di #Caparezza.

167480631_1640942939436993_6029263927949769382_n

Caparezza: un artista che ho sempre apprezzato: devo dire più da quando sono giovane, che oggi. I suoi pezzi mi sono sempre piaciuti, anche se ad una certa scadeva nel ripetitivo, quindi spesso non riascoltavo gli album dopo i primi “assaggi”.

Non è stato come altri rapper che ho ascoltato e riascoltato negli anni (vedi Kaos).

La cosa divertente è che però è stato quello che ho visto più volte dal vivo. È stato in Calabria numerose volte… E i suoi live, sono qualcosa di fenomenale, la gente viene sempre fomentata dalla sua musica. Anche se, nei pezzi usava serpe gli stessi spettacoli usati in altri concerti.

Insomma, parlava fin troppo spesso della politica italiana, un motivo per cui anche Mezzosangue, per quanto lo amassi, mi stufa, ad una certa.

In più, troppo casino per i miei gusti: del resto, gli altri live in cui sono stato, avevano un’atmosfera più “intima”. (Questo è l’effetto che fa l’underground, o il poco/mediamente conosciuto).

Poi, devo dire che la gente andava ai concerti di Capa, più per avere una scusa per fare casino, più che per amore della musica…

Devo dire però, che già dalla prima traccia di “Exuvria”: “Canthology”, abbia sonorità più concious. Dalle barre, sembra quasi comunicarci che abbia intenzione di cambiare stile.

Nella seconda questa cosa si conferma in “Fugadà”. Fuga da sé stesso?

È evidente un cambio di stile e la cosa mi sta facendo molto piacere, i pezzi sembrano essere meno movimentati e meno ripetitivi rispetto ai lavori precedenti. Signore e signori, a me piace la varietà negli album: tipo un pezzo d’amore, uno sulla politica, uno sulla vita… Insomma, forse sbaglio, ma se sei troppo ripetitivo, dimostri grossi limiti d’inventiva, mancanza di fantasia. Continua a leggere “#Recensione: ” #Exuvria” di #Caparezza.”