Tag Archive for ‘voglio vivere’

Piromane in ferie – Puntata 17.

Visitate questa pagina, in cui c’è la raccolta di tutte le puntate: https://loscrittorevolante.com/tutte-le-puntate-deil-piromane-in-ferie/

.

Ormai il piromane ammirava la sua opera, terra bruciata, pompieri di quella regione che cercavano di spegner ei fuochi più in fretta possibile.
ma come al maggior parte delle autorità, o forze dell’ordine di quel paese, sapeva che erano disorganizzati, lenti, pigri.

E lui si godeva da lontano la sua opera, appoggiandosi ad un albero.

Con la sua camicia bianca, i pantaloni marroni, e sandali. Guardava. Mentre il vento del sud gli soffiava tra i capelli.

Si toccò la faccia, si rese conto che gli era cresciuta un po’ di barba. Da quanto tempo non si radeva?

Notò di avere qualche pelo grigio, guardandosi nella camera del telefono.

Non aveva importanza. Si sentiva libero, si sentiva selvaggio, poteva esprimersi appieno.

Quel fuoco non era solamente uno sfogo per lui, era la sua arte. Era ormai come una passione, era tanto, a volte troppo. Come se si stesse svegliando da un incubo.

Ricordò di come si fosse isolato, da ogni amicizia, da come ormai aveva tutto dentro, di come era imploso, diventando quello.

Per un breve istante, mentre si toccava i capelli ricci, che si erano allungati anche quelli, dove trovò anche lì, un po’ di grigiore, si ricordò di chi era.

Continue reading →

Recensione:  “Troublemaker” di Nor Psychohead.

Recensione: “Troublemaker” di Nor Psychohead.

Piccola premessa che non c’entra un cazzo con il resto dell’articolo: mi sento molto meglio. Ma molto. Ultimi giorni preso dal nervoso, oggi mi sento bene, vabbè.

Sarà la birra.

.

Stasera parlo di Nor Psychohead, tra non molto uscirà il suo nuovo EP: Black Rose.

Ma ne parlerò dopo dell’EP. Stasera parlo dell’album “Troublemaker”.

Conosco Lorenzo da 3 anni, conosciuto nel gruppo facebook che frequentavo ai tempi ( Chiamarsi MC tra amici senza apparenti meriti lirici. Dall’omonima apgina di meme su facebook e instagram.)

Già mi piaceva molto all’epoca, ma dopo l’ascolto che sto facendo e rifacendo  da giorni di “Troublemaker”, il rapper ligure ormai lo metto tra i miei preferiti. E ne ascolto tantissima di ‘sta merda.

Hardcore. Hardocore.

Come dice lui “sta merda è droga la gente ne vuole ancora.” (Da “Mitra”, seconda traccia dell’album che sto recensendo.)

Ebbene a me Nor fa questo effetto. È forte, ha una voce adattissima a questo genere, aggressivo, aggredisce il mic, con rabbia, così ci piace.

Lui bastona le orecchie talmente tanto bene, che ho diversi “eargasm”, quando lo ascolto. Capace di pomparti, di farti muovere la testa prepotentemente avanti e indietro o sopra e sotto…

È concious, è hardcore, è underground.

Viene ascoltato mi sa da pochi, sono onorato di essere uno di quelli. “Pochi ma buoni”, tra quelli che possono amarlo con il cuore, come sempre, con questa musica.

Ci facciamo l’amore.

Rabbia, riflessione, amore, amicizia, voglia di riscatto, in ogni prezzo è sempre incazzato, o sembra tale. La musica è lo sfogo di tutte le cose brutte che gli succedono. Da umile blogger lo capisco, dato che uso questa cosa esattamente per lo stesso motivo.

Per cosa trovo piacere nell’ascoltare Lorenzo?

I testi, la voce. Mi ritrovo in molte cose che dice, mi basta anche solo ascoltarlo, per sfogare la mia stessa rabbia.

Lo ringrazio per questo.

Le tracce che mi pompano di più? La prima: “Centipede Umano”, “Effetto Cliffhanger”, “More Faya”.

Continue reading →